Zuppa di fagioli rossi e carote

(read in English)

Questa zuppa di fagioli rossi e carote è stata preparata in realtà più per una questione legata alla fotografia, piuttosto che con l’idea di condividere la ricetta, ma ho ricevuto tante domande su questa bontà, che ho deciso di scrivere anche questa preparazione sul blog. Ma parliamo per un minuto del perchè fosse un soggetto interessante in termini fotografici…

Per lavorare sulle tue abilità, per mettere in pratica dei cambiamenti nel tuo stile di vita, per migliorare nel tuo lavoro, per lavorare su di te… punta a fare dei passi avanti, non ad un ideale di perfezione.

Una delle cose che ho deciso di mettere sulla mia lista di cose da fare durante gli ultimi mesi: prendermi più tempo per esplorare la parte di “food photography” del mio lavoro. La maggior parte delle foto che condivido a supporto dei miei posts sui social sono fatte rapidamente a colazione o pranzo e, in tutta onestà, avere la capacità di ottenere ottimi risultati in tempi brevi e senza un set-up ideale, mi è stato molto utile in varie occasioni di lavoro. MA mi piace studiare un’mmagine con il giusto tempo ed essere anche in grado di rallentare un po’ e connettermi al meglio con ciò che sto facendo. Dunque, nella mia lista di cose da fare per il prossimo futuro, vedo sicuramente tanto tempo passato dietro la macchina fotografica, un workshop di fotografia che vorrei organizzare a Dublino, e tanti lavori interessanti legati alla fotografia ed al cibo. E tu? Hai una abilità o un qualche cambiamento su cui vorresti lavorare un po’ di più? 

Zuppa di fagioli rossi e carote

Ingredienti (per 2 persone)

  • circa 200 g di fagioli rossi cotti
  • 3 carote di dimensioni medie
  • 2 scalogni
  • 5-6 pomodori secchi
  • circa 300 ml di passata di pomodoro
  • 1 cucchiaino di cumino in polvere
  • 1 cucchiaino di semi di finocchio (spezzettati in un mortaio)
  • 1 cucchiaino di semi di senape nera (spezzettati in un mortaio)
  • 1/3 di cucchiaino di paprika piccante
  • 2 foglie d’alloro
  • un pizzico di sale
  • un pizzico di pepe
  • olio d’oliva extra vergine
  • sopra: 4 cucchiai di yogurt di cocco (o qualsiasi altro tipo di yogurt bianco, in base ai tuoi gusti), 4-5 ravanelli, 1 manciata di coriandolo fresco, olio extra vergine d’oliva

Scalda un pochino d’olio d’oliva in una pentola su fuoco medio. Aggiungi lo scalogno tagliato finemente e lascialo rosolare finchè non diventa dorato. Aggiungi le carote tagliate a pezzetti e mischia bene per circa 30 secondi, poi aggiungi lentamente alcuni cucchiai di acqua calda, seguiti dalla passata di pomodoro, i pomodori secchi tagliati a pezzettini (non c’è bisogno di re-idratarli prima di aggiungerli al resto, visto che avranno poi il tempo di ammorbidirsi durante la cottura), le foglie d’alloro, e le spezie. Aggiungi un altro pochino d’acqua se necessaria, in modo da coprire tutti gli ingredienti (aggiungi l’acqua in piccole quantità e passo passo, dato che i tempi di cottura non sono molto lunghi e quello che vorrai alla fine è un risultato piuttosto cremoso). Cuoci a fuoco basso per circa 10 minuti, poi aggiungi i fagioli e continua la cottura per altri 5-10 minuti (varia i tempi i base a quanto vuoi che siano croccanti le carote o a quanto vorresti che fosse cremosa la zuppa). Quando sarà pronta, assaggiala ed aggiungi un pizzico di sale e pepe nero, scarta le foglie d’alloro, ed utilizza i ravanelli tagliati a fettine, il coriandolo, lo yogurt, e l’olio d’oliva per decorare il piatto. Servi così com’è o accompagnata da una fetta di pane tostato.



Vorresti sapere qualcosa di più riguardo il mio lavoro e come potrei esserti d’aiuto? Clicca QUI per tutti i dettagli

Risotto al pomodoro

(read in English)

Qualche giorno fa, il mio ragazzo mi ha chiesto di preparare il risotto al pomodoro per pranzo dicendo “il risotto al pomodoro è il mio comfort food al momento – un comfort food è qualcosa che ti fa semplicemente stare bene ogni volta che lo mangi”. Non potrei essere più d’accordo! Questo risotto piace molto ad entrambi e quando lo preparo non penso se sia abbastanza bilanciato e non inizio a preoccuparmi perchè i macronutrienti non sono presenti in giuste quantità sul mio piatto. So che è una preparazione semplice che ci fa stare bene, che porta gioia in tavola, che ha i pomodori con tutte le loro ottime proprietà (come l’amatissimo antiossidante licopene), che ha fibre e nutrienti.

Vuoi prepararlo anche tu? Non hai ancora mai provato il risotto al pomodoro? Problema risolto, qui trovi la ricetta! In questa versione ho utilizzato soltanto la passata di pomodoro, ma puoi variare gli ingredienti come preferisci: ad esempio, a me piace molto utilizzare anche un misto di passata e pomodori secchi tagliati finemente (non c’è bisogno di re-idratarli prima dell’utilizzo, aggiungili semplicemente al riso in fase di cottura).

Risotto al pomodoro

Ingredienti (per 2 persone)

  • 160 g di riso integrale a grano corto
  • 250-300 ml di passata di pomodoro
  • 1 scalogno (opzionale)
  • 1-2 foglie d’alloro
  • 1 cucchiaino di paprika dolce (o affumicata, se preferisci dare un tocco diverso)
  • olio d’oliva extra vergine
  • un pizzico di pepe nero
  • un pizzico di sale
  • formaggio grattugiato da aggiungere sopra (opzionale – ma se decidi di usarlo, ti consiglio di utilizzare un formaggio stagionato con un sapore abbastanza forte, e se non sai quale scegliere, chiedi un suggerimento nel tuo negozio di formaggi di fiducia)

Scalda un pochino d’olio d’oliva in una pentola su fuoco medio. Aggiungi lo scalogno tagliato finemente e lascialo rosolare finchè non diventa dorato. Aggiungi il riso e mischia per circa 30 secondi per tostarlo. A questo punto, aggiungi le foglie d’alloro ed una quantità di acqua calda sufficiente per coprire tutto il riso. Mischia e cuoci su fuoco meido per circa 30-40 minuti (il tempo di cottura dipende dal tipo di riso utilizzato, controlla quanto indicato sulla confezione). Per cuocere il risotto, aggiungi altra acqua in piccole porzioni, in modo da non averne in eccesso alla fine (quello che avrai sarà semplicemente una crema di pomodoro). Circa a metà cottura, aggiungi tutta la passata di pomodoro e le spezie. Servi con il formaggio grattugiato sopra e un filo d’olio d’oliva.



Vorresti essere più motivata nel costruire un sistema di supporto per il tuo benessere fatto di semplici scelte quotidiane? Fai il primo passo usando il bottone qui sotto:

SCHEDULE A FREE CONSULTATION

Pancakes alla Zucca

(read in English)

Ogni anno aspetto pazientemente il ritorno delle zucche per aggiungerle all’impasto dei pancakes. Anche se in casa spesso usiamo cose come banane, rape o spinaci nei pancakes, non c’è niente che si possa paragonare al mischiare zucca, spezie e farina integrale.. è un’insieme di ingredienti che ha sempre un non so che di speciale!

Ci tengo a fare un appunto sulla ricetta, visto che quest’impasto tende ad essere un po’ più difficile da gestire rispetto ad altri. Ho provato varie combinazioni per questi pancakes (e ne proverò tante altre in futuro, visto che adoro improvvisare) ed anche questa ricetta ho dovuto prepararla un paio di volte prima di poter essere sicura delle quantità. Se aggiungi troppa zucca e/o troppo liquido, tendono a rimanere troppo molli e non si cuociono bene. Consiglio di utilizzare della zucca cotta al forno (per il contenuto d’acqua) e controllare l’impasto passo dopo passo – in realtà, questo è un passaggio che trovo molto istruttivo ed utile perchè ti aiuta ad essere più consapevole di ciò che stai facendo e di come prepari i tuoi piatti!

Io ho deciso di servirli con sciroppo di datteri e delle mele tagliate a tocchetti (saltate in padella per 1 minuto con un pochino di ghee e della cannella). Chiara x

Pancakes alla Zucca

Ingredienti

  • 100 g di zucca cotta (meglio se cotta al forno)
  • 80 g di farina integrale (grano o farro – usa la farina di riso integrale per una versione senza glutine se necessario)
  • 1 uovo
  • 1 cucchiaio di semi di lino macinati
  • circa 70 ml di acqua o bevanda vegetale (quelle alla nocciola, mandorla, o anacardi sono ottime in questa ricetta)
  • 1 cucchiaino di ghee o burro (ammorbidito a temperatura ambiente)
  • 1 cucchiaino di lievito per dolci
  • 1 cucchiaino di cannella in polvere
  • 1 cucchiaino di zenzero in polvere
  • un pizzico di pepe di Giamaica (puoi usare la noce moscata in alternativa)
  • un pizzico di sale

In una ciotola, mischia le spezie, l’uovo, il ghee, i semi di lino, e la zucca (prepara una purea di zucca frullandola con la minima quantità di acqua o bevanda vegetale necessaria). Inizia ad aggiungere la farina ed altro liquido se necessario (a questo punto avrai usato già una parte del liquido per frullare la zucca, quindi ne avrai solo una piccola part avanzata per l’impasto). Mischia bene con una frusta finchè non otterrai un impasto omogeneo e senza grumi. Avendo la zucca nell’impasto, è importante controllare la consistenza passo dopo passo. Scalda una padella, meglio se anti-aderente, su fuoco medio con 1/3 di cucchiaino di ghee. Usa circa 3 cucchiai di impasto per ogni pancake e cuocili da entrambi i lati finchè non si riescono a girare bene con una spatola. Continua a mischiare l’impasto anche mentre cuoci i pancakes (con queste quantità dovresti riuscire a prepararne circa 6).


Vorresti essere più motivata nel costruire un sistema di supporto per il tuo benessere fatto di semplici scelte quotidiane? Fai il primo passo usando il bottone qui sotto:

SCHEDULE A FREE CONSULTATION

Galette alle Mele

(read in English)

Uso questa galette alle mele che ho preparato di recente per parlare di alimentazione e consapevolezza.

Iniziare ad essere più CONSAPEVOLI dell’intero processo legato a “nutrirsi” vuole dire lavorare sul rapporto con il tuo corpo e con il cibo che scegli di portare in tavola, ma vuole anche dire mettere veramente in pratica l’idea di passare dal semplice “mangiare” a vedere il cibo come vero e proprio “nutrimento” per il corpo e la mente, un supporto per il tuo benessere, ed un aiuto per affrontare al meglio le tue giornate.

Impara come sia possibile ascoltare il tuo corpo e riporre fiducia nei segnali che ti invia ogni giorno, senza ignorarlo anche nei momenti più difficili e dandogli quello di cui ha bisogno. Inizia a metterti al primo posto ed a prenderti cura di te!

Dico tutto ciò come commento ad una galette che, sebbene sia ricca di nutrienti ed anche ottima di sapore (la ricetta sarà sul blog a breve) non rientrerebbe per nulla nei classici canoni di “sano” o “clean”.

Inizia a fare un passo avanti rispetto ad i classici standard di “sano” e “non sano”, ed inizia a prestare attenzione ad ingredienti, combinazioni alimentari, qualità dei prodotti, necessità del tuo corpo, etc.

DSC_1451

VEDIAMO INSIEME QUALCHE DETTAGLIO SULLA GALETTE

  • quasi tutti gli ingredienti sono biologici
  • la base è fatta con farina integrale
  • c’è una piccola parte di sciroppo di datteri, ma per il resto ho valorizzato il sapore dolce delle mele mischiandole alle spezie per cercare di non aggiungere zucchero (è importante cercare di essere più creativi!)
  • considerando le dimensioni della galette, c’è una buona quantità di mele
  • c’è anche un po’ di tahini nella base
  • mi è piaciuto molto poter preparare qualcosa di speciale con queste mele Irlandesi biologiche comprate al mercato (è importante anche stabilire una connessione con i vari ingredienti!)
  • l’ho condivisa con il mio ragazzo (il cibo non è solo energia per il tuo corpo!)
  • nel gelato fatto in casa che ho utilizzato per servirla c’è anche dello yogurt, ma è ottima anche servita con dello yogurt semplice (ecco i probiotici!)
  • era esattamente quello che volevo quando l’ho preparata ed è stata anche un’ottima maniera di utilizzare queste mele (apprezza appieno il cibo che scegli!)

ORA E’ IL TUO TURNO:
cosa puoi fare oggi per lavorare un po’ sull’approccio che hai verso l’alimentazione e le scelte quotidiane?

Chiara x

DSC_0981

DSC_1155

DSC_1169

DSC_1433

GALETTE ALLE MELE

Ingredienti

Per la base:

  • 130 g farina integrale (grano o farro)
  • 35 g burro
  • 1.5 tbsp tahini
  • 2 tsp sciroppo di datteri
  • circa 60 ml latte o bevanda alle nocciole
  • 1 tsp cannella in polvere

Per il ripieno:

  • 3 mele (circa 390 g – preferibilmente mele per cucinare)
  • 1 tsp cannella in polvere
  • 1 tsp semi di finocchio (spezzettati in un mortaio)
  • un pochino di succo di limone
  • 1/2 tsp burro (opzionale)
  • circa 1 tsp farina di cocco (opzionale)

In una ciotola, mischia il burro ammorbidito (a temperatura ambiente) con la tahini, lo sciroppo di datteri (1 tsp), e la cannella. Aggiungi la farina e combina il tutto finchè non ottieni una consistenza simile a delle grosse briciole – in seguito aggiungi la parte liquida in piccole porzioni (farine diverse possono necessitare di un pochino di liquido in più o in meno). Nella parte iniziale mischia gli ingredienti con un cucchiaio, poi alla fine lavora l’impasto con le mani – dovrebbe essere pronto in alcuni minuti. Se non prepari la galette subito, metti la base a riposare in frigo in una ciotola coperta.

Taglia le mele a fette, poi mischiale bene con le spezie ed un pochino di succo di limone. Stendi l’impasto (diventerà di forma circolare, circa 20 cm di diametro) e cospargilo con la farina di cocco per evitare che la base diventi troppo bagnata in cottura. Disponi con cura il ripieno della galette, poi crea un bordo piegando sopra le mele la parte di base che avrai lasciato vuota (con le dita bagnate premi delicatamente la parte più interna del bordo sulle mele affinchè conservi la forma in cottura).

Cuoci la galette in forno pre-riscaldato a 180°C finchè non diventa dorata (circa 20-25 minuti – cerco di non cuocere troppo le mele, quindi alla fine sono ancora leggermente croccanti). Quando sarà quasi pronto, rimuovi il dolce dal forno: spennella il bordo con un mix di sciroppo di datteri (1 tsp) e latte o bevanda vegetale (2 tsp) – aggiungi anche 1/2 tsp di burro spezzettato sulle mele. Metti nuovamente in forno per un paio di minuti.

Servi la galette tiepida o a temperatura ambiente ed aggiungi sopra un cucchiaio di gelato o yogurt.



Remember: puoi scegliere di avere uno stile di vita più sano, riempire i tuoi piatti con cose buone e che ti piacciono, essere più consapevole delle tue scelte, fidarti del tuo corpo, e scegliere quello che è meglio per te ogni giorno! Clicca sul bottone qui sotto per fare il primo passo:

PIANIFICA UNA CONSULENZA GRATUITA

Panzanella (insalata con pane e pomodori)

(read in English)

Mi piacciono tantissimo le ricette in cui puoi utilizzare cose come il pane raffermo, o le banane troppo mature, o quello che resta quando fai le bevande vegetali in casa – non è soltanto un bellissimo modo per essere più creativi in cucina, ma è anche ovviamente una maniera per ridurre gli sprechi. La ricetta che troverete qui sotto è un esempio perfetto: un’insalata di pane raffermo e pomodori tipica della Toscana… semplice ma ricca di sapore! Io ormai l’ho preparata talmente tante volte ed ho sperimentato così tante varianti che sarebbe impossibile ricordarle tutte – ma per questo post ho deciso di soffermarmi su una versione un po’ più classica. Condividi una foto con me su Instagram se decidi di provarla, sono sempre curiosa di vedere le vostre creazioni in cucina! Chiara x

DSC_0290-2

DSC_0720

DSC_0658

DSC_0555

DSC_0838

Panzanella (insalata con pane e pomodori)

Ingredienti
(2-3 porzioni)

  • 150 g pane di pasta madre raffermo*
  • 500 g pomodori maturi
  • 1 manciata di basilico fresco
  • 1 1/2 tbsp aceto di mele (o di vino)
  • 2 tsp timo secco
  • 1/2 tsp pepe nero macinato
  • circa 2 tbsp olio extra vergine d’oliva
  • un pizzico di sale

Taglia grossolanamente il pane raffermo (non importa la dimensione esatta dei pezzi, perchè in seguito comunque si sbriciolerà) ed in una ciotola abbastanza capiente mischialo con acqua, aceto, metà del quantitativo indicato di olio, sale, pepe, e timo. Combina il tutto mischiando con le mani e creando dei pezzetti di pane più piccoli, poi aggiungi i pomodori tagliati a pezzetti ed aspetta almeno 10 minuti prima di servire (in questo modo darai un po’ di tempo al pane per inzupparsi con il sugo dei pomodori). Aggiungi il basilico ed un filo d’olio giusto prima di mettere in tavola la Panzanella

Un’ottima variante: aggiungi una mozzarella di bufala (circa 125 g)

*non deve essere per forza di pasta madre, ma è l’opzione che risulta più buona. Ti consiglio anche di scegliere un pane integrale.



Vorresti iniziare ad avere uno stile di vita ed un’alimentazione più sani, creando anche una serie di abitudini che possano diventare parte della tua vita d’ora in avanti? Non sai esattamente da dove iniziare? Clicca sul link qui sotto per fare il primo passo:

Prenota la tua chiamata gratuita

Insalata di Orzo con Zucchine e Blue Cheese

(read in English)

Prepari qualcosa con l’orzo ogni tanto? Lo sai che l’orzo ha un buon contenuto di beta-glucani? Esatto, lo stesso tipo di fibre che trovi nell’avena! I beta-glucani sono dei polimeri del glucosio (polisaccaridi) presenti nella parete cellulare di cereali e altri cibi (ad esempio lieviti, alghe ed alcuni funghi come reishi e shiitake – sono anche presenti in altri cibi in piccole quantità). L’effetto positivo sul colesterlo che hanno cereali come l’avena e l’orzo è stato associato con il loro contenuto di fibre solubili. La struttura dei beta-glucani è diversa in base alla fonte da cui provengono (per esempio sono fibre solubili nei cereali ed insolubili nei lieviti… il potere della chimica!). Prenderti cura di te attraverso le tue scelte riguardanti sia il cibo che il tuo stile di vita può essere SEMPLICE E PIACEVOLE… è tutta questione di mettersi un po’ in discussione e dare una possibilità a piccoli cambiamenti quotidiani!

Di seguito troverai la ricetta per un’insalata fredda con orzo, zucchine e blue cheese -io ho usato un formaggio che in poco è diventato uno dei preferiti di casa, si chiama Young Buck ed è un buonissimo blue cheese fatto con latte crudo in Irlanda del Nord. Se vivi da queste parti ti consiglio di provarlo, ma puoi anche provare varie alternative su questo stile finchè non trovi il tuo preferito! Per chi non conosce il blue cheese: è un formaggio in cui la pasta è caratterizzata da venature bluastre, con un gusto ricco e pungente – può sembrare simile al Gorgonzola in apparenza, ma sia il sapore che la consistenza sono diverse.

Chiara x

DSC_1476

20170704_140527

DSC_1395 (2)

DSC_1492

DSC_1504

Insalata di Orzo con Zucchine e Blue Cheese

Ingredienti (per 2 persone)

  • 120 g di orzo
  • circa 340 g di zucchine
  • circa 40 g di blue cheese
  • 1 piccola manciata di germogli di alfa alfa
  • 1 cucchiaino di timo secco
  • il succo di 1 limone
  • 1/2 cucchiaino di semi di finocchio (sminuzzati in un mortaio)
  • olio d’oliva extra vergine
  • 1 piccola manciata di foglie di menta fresca
  • un pizzico di pepe nero

Cuoci l’orzo seguendo le istruzioni sulla confezione. Quando sarà pronto, sciacqualo con acqua fredda e scolalo bene. Mentre prepari l’orzo, puoi tagliare le zucchine in fettine sottili e saltarle in padella con un pochino d’olio d’oliva per circa 1-2 minuti – puoi anche decidere di dividere le zucchine in due parti, poi cuocerne una metà e lasciare l’altra cruda (per un risultato ottimale, ne lascerei un po’ crude soltanto se sono zucchine di piccole dimensioni, fresche ed ancora croccanti). Quando le zucchine si saranno raffreddate, mettile in una ciotola con le spezie, il timo secco, il succo di limone, l’orzo, il formaggio e l’olio. Mischia bene tutti gli ingredienti e lascia riposare l’insalata in frigo per circa 10 minuti. Aggiungi i germogli prima di servire e metti un po’ di foglie di menta sui piatti.



Vorresti iniziare ad avere uno stile di vita ed un’alimentazione più sani, creando anche una serie di abitudini che possano diventare parte della tua vita d’ora in avanti? Non sai esattamente da dove iniziare? Clicca sul link qui sotto per fare il primo passo:

INIZIAMO!