Il mio approccio “niente buoni propositi per l’anno nuovo”

(read in English)

Anno nuovo, vita nuova? No, grazie! Questo è ciò che direi a chi mi chiede quali sono i miei buoni propositi per il nuovo anno. Gennaio è un mese pieno di tante belle parole, grandi promesse, propositi impeccabili e tante chiacchiere a tema “nuovo anno, vita nuova”. Non mi è mai piaciuto tutto questo parlare dei piani perfetti per il nuovo anno, giudicando sè stessi per quello che è successo in passato. Non sono una persona da buoni propositi ma devo ammettere che mi piace l’idea di UN NUOVO INIZIO, specialmente se questo include un po’ di motivazione extra (che non guasta mai) e se l’idea di passare all’azione ti fa stare bene e ti rende felice!

Pianificare una serie di buoni propositi per me significa avere un problema specifico in mente che vuoi risolvere (problema -> possibile soluzione -> piano d’azione) – ovviamente non sono qui per giudicarti se hai dei propositi per il nuovo anno e ti senti sicura riguardo la tua scelta, ma ti lascio comunque qualche consiglio:

  1. controlla che ci sia veramente questo problema da risolvere
  2. fatti qualche domanda per essere certa di ciò che vuoi fare/ottenere (è davvero importante per te? E’ qualcosa di fattibile? E’ qualcosa che hai già provato a fare?)
  3. scomponi il tuo piano in parti più piccole: passa dall’avere un piano d’azione complesso a visualizzare passaggi piccoli, semplici, e facili da mettere in pratica

Ma torniamo al parlare dell’approccio “niente buoni propositi”…

Sia da un punto di vista generale che dal punto di vista del “i sani propositi di inizio anno”, riesci a vedere la differenza tra << voglio perdere peso, quindi a Gennaio dieta >> e << di recente ho mangiato tantissimi dolci perchè li cerco ogni volta che sono stressata, quindi voglio usare l’idea di Gennaio come un nuovo inizio per scoprire una modo efficace per gestire lo stress e vorrei anche provare degli snacks diversi MA non perderò tempo a giudicarmi e sono consapevole del fatto che mangiare qualcosa di dolce quando sono molto stressata non è la fine del mondo. Vorrei anche provare a domandarmi più spesso cose tipo “cosa cerco veramente? Di cosa ho veramente bisogno?” >>

La prima frase è dettata dalla ricerca di una soluzione rapida e non include farsi domande sul proposito per il nuovo anno o chiedersi perchè è qualcosa di importante a livello personale o che vantaggi ci sarebbero nel raggiungere quest’obiettivo. Ora leggi un’altra volta la seconda frase. Riesci a vedere come essa non sia soltanto più completa ma, con poche parole, ti suggerisce già di vedere le cose da un punto di vista diverso e ti motiva a farti più domande su quest’idea di perdere peso? Potresti anche scoprire che in realtà perdere peso non è nemmeno una cosa che ti interessa…

  • Non hai bisogno di fare CONFRONTI con altre persone
  • E’ importante rimanere concentrati su ciò che è veramente importante PER TE
  • Non devi per forza unirti ai classici buoni propositi ma ciò che dovresti fare è creare una lista di OBIETTIVI veramente tua con un approccio che non ti faccia sentire costantemente sotto accusa
  • Puoi trovare un motivo d’ISPIRAZIONE positivo che ti aiuti ad attuare un cambiamento (considerando sempre se devi e vuoi effettivamente cambiare qualcosa)
  • Includi nel prossimo futuro ciò che ti rende FELICE e ciò che è strettamente correlato al VOLERSI BENE
  • Un’idea che si potrebbe usare come punto di partenza: una lista “ciò che pensi dovresti fare vs ciò che veramente vuoi”
  • I classici buoni propositi pieni di grandi promesse sono decisamente attraenti ma lavorare su di te è qualcosa pronto a ricompensarti molto ed a lungo termine!

All’inizio di un nuovo anno, non mi sento in colpa per quello che ho fatto o non fatto, mangiato o non mangiato durante l’ultimo anno o mese… invece sono concentrata sulla giusta motivazione e tutte le cose positive che mi possono aiutare a prendermi cura di me stessa giorno dopo giorno. Rifletto sull’anno passato e guardo da un punto di vista diverso il percorso che mi ha portata fino a qui. Ho imparato dai miei errori e sono pronta a dare il giusto valore ad ogni piccolo passo avanti che farò. Sono pronta a…

  • valorizzare me stessa, il mio corpo, la mia salute ed il mio benessere
  • rimanere concentrata sui miei punti di forza e lavorare su ciò che mi ostacola nel raggiungere i miei obiettivi
  • ricordare a me stessa più spesso che IO SONO ABBASTANZA
  • concedere a me stessa di vivere profondamente sia sentimenti positivi che negativi (fanno tutti parte di me)
  • concentrarmi sul mio percorso e chiedermi, ogni volta che inizierò a confrontare me stessa o la mia vita con qualcun’altro, “cosa sto cercando esattamente?”
  • essere più focalizzata su un sentimento di abbondanza piuttosto che qualcosa dettato dalle restrizioni

Ogni anno sarà diverso ma, ora come ora, queste sono le cose che ho deciso di includere in questo “nuovo inizio” perchè sono tematiche su cui devo lavorare. Non mi sto preoccupando chiedendomi cose tipo “riuscirò a fare tutto? O almeno una cosa? E se sarà un fallimento?” perchè punto a fare dei passi avanti e non ad avere la vita perfetta. Non ho esattamente un piano per mettere queste cose in pratica: continuerò semplicemente a fare ciò che ho fatto negli ultimi tempi e migliorare/cambiare le cose passo dopo passo. Ogni giorno:

  • Mi chiedo “per cosa sono grata oggi?” e cerco di scrivere quante più cose mi vengono in mente (nei momenti difficili o stressanti, provo a scrivere anche più cose del solito in questa lista). Mi assicuro sempre che ciò che includo in questa lista non sia un mucchio di cose a caso: deve essere un vero senso di GRATITUDINE
  • Mi concentro su una parola o una frase che mi fa sentire bene, motivata, pronta a scegliere ciò che è meglio per me – identifico questa frase/parola chiedendomi con molta onestà come mi sento
  • Scrivo a proposito della mia vita e della mia attività, mi pongo delle domande e cerco di evitare di avere paura delle risposte che potrei trovare. Una buona fetta di questo lavoro su me stessa e sul mio approccio alle cose, riguarda la mia attività, perchè ho imparato che è molto importante concentrarsi anche su queste cose quando si è il capo di sè stessi, ma è assolutamente possibile farlo parlando anche soltanto della propria vita personale (dipende ovviamente da che risultati vuoi ottenere da tutto ciò).

Quindi… unisciti a me in questo invito a volersi bene! E ricordati: non gira tutto intorno a “anno nuovo, vita nuova” – semplicemente, cerca meglio dentro di te e… sii pronta a risplendere!

Chiara x


Vorresti sapere qualcosa di più su quest’argomento e su come fare il primo passo in questo percorso di crescita personale per conoscerti meglio? Parliamone! Pianifica la tua prima consulenza GRATUITA con me usando il bottone qui sotto:

SCHEDULE A FREE CONSULTATION

Mince pies – dolcetti delle feste

(read in English)

Dicembre ed il periodo festivo sono caratterizzati da tantissimi cibi tradizionali che fanno la loro classica comparsa sulle tavole ed io ho deciso di preparare alcune mince pies! Avrete probabilmente sentito parlare di questi dolcetti, io li ho incontrati per la prima volta in Irlanda e me ne sono subito innamorata. Ci sono tante ricette diverse per prepararle, soprattutto per il ripieno (mincemeat), ma con questo post ho deciso di condividere la mia versione. Mi piace creare e pubblicare ricette vere dalla mia cucina, quindi devono essere un qualcosa che effettivamente preparo e metto in tavola, non solo un bel piatto fotogenico. Per questa ricetta vale lo stesso discorso, è una combinazione di gusto, atmosfera natalizia ed ingredienti che piacciono sia a me che al mio ragazzo. Spero che questi dolcetti piacciano anche a voi: danno il loro meglio se vengono serviti tiepidi – lo zenzero, la cannella e la scorza di mandarino sono gli ingredienti chiave per creare quel profumo inconfondibile che avvolgerà tutta la cucina.

Se volete o dovete fare qualche sostituzione per quanto riguarda gli ingredienti, qui ci sono alcuni suggerimenti che posso condividere perchè li ho provati personalmente: potete usare la scorza d’arancia invece di quella di mandarino, o potete anche sostituire scorza+limone con il succo di un’arancia – la tahini o il burro di anacardi sono due buone alternative da utilizzare al posto del burro di mandorle.

Mince Pies

Ingredienti (per 12-14 mince pies)

per il ripieno:

  • 2 mele di dimensioni medie (meglio se mele per cucinare)
  • 4 cucchiai di uvetta
  • 1 ½ cucchiai di burro di mandorle
  • succo di 1 limone
  • 1 ½ cucchiaino di cannella in polvere
  • 1 cucchiaino di zenzero in polvere
  • la scorza di 1 mandarino biologico

per l’impasto:

  • 180 g farina di farro integrale (potete usare anche quella di grano integrale – scegliete la farina di riso integrale per una versione senza glutine)
  • 25 g di burro (o olio d’oliva, 5 cucchiai)
  • 1 cucchiaio scarso di zucchero Mascobado scuro
  • 1 cucchiaino di cannella in polvere
  • bevanda vegetale di mandorla o nocciola o anacardi, oppure all’avena

sopra: farina di cocco

Per preparare il ripieno:

mischia le mele grattugiate (non pelare le mele e grattugiale o tagliale in pezzi fini, non utilizzare una crema frullata) con gli altri ingredienti. Utilizza la scorza di un mandarino biologico, lavato e pelato – per il ripieno avrai bisogno di tagliarla in pezzetti molto piccoli. Metti il tutto in un vaso o una ciotola e lascialo a riposare in frigo per almeno 2 ore – puoi anche prepararlo in anticipo il giorno prima.

Per preparare l’impasto:

in una ciotola mischia lo zucchero con il burro ammorbidito a temperatura ambiente e la cannella. Inizia poi ad aggiungere la farina e fai assorbire tutta la parte liquida (otterrai una specie di effetto sbriciolato). Aggiungi in piccole porzioni la bevanda vegetale – mischia bene con le mani e controlla la consistenza dell’impasto passo dopo passo (il risultato finale non si attaccherà alle mani). Copri il tutto e lascialo riposare in frigo per almeno 30 minuti prima di utilizzarlo.

Se non hai una teglia da forno apposita, puoi utilizzarne una per muffin. Per tagliare l’impasto io ho utilizzato uno stampo rotondo da biscotti di 7.5 cm di diametro (per la base) ed uno a forma di stella (per la decorazione da mettere sopra). Puoi scegliere se stendere l’impasto più o meno spesso, in base alle tue preferenze. Taglia la base e mettila nella teglia da forno, aggiungi 1 cucchiaio di ripieno, ed infine metti la stella sopra di esso. Cuoci in forno preriscaldato a 180°C per circa 15-20 minuti o finchè non iniziano a diventare dorate.

Ottime servite tiepide – puoi aggiungere sopra un po’ di farina di cocco. Se hai degli avanzi di ripieno, prova ad aggiungerlo nel porridge!

Thumbprint Cookies alle Mandorle

(read in English)

Vi ricordate i classici biscotti al burro con la ciliegia candita al centro? Da bambina solitamente mangiavo il biscotto e scartavo la ciliegia – beh, posso dire che questa sia un po’ una versione diversa e aggiornata di quei biscotti, e non c’è nulla da scartare visto che tutti gli ingredienti mi piacciono e sono ottimi! La base è morbida e piena di mandorle, perfetta abbinata alla dolcezza dei lamponi ed alla cioccolata. Ho provato a prepararli anche con anacardi e farina di riso integrale (1:2), in alternativa al mix di mandorle/cocco/avena che trovate nella ricetta – la consistenza è diversa e sono meno morbidi (ricordano più un biscotto classico), ma sono comunque buonissimi!

DSC_2542

DSC_2441

DSC_2586

Thumbprint Cookies alle Mandorle

Ingredienti

  • 100 g mandorle
  • 60 g farina di cocco
  • 40 g avena in fiocchi
  • 1 cucchiaio di sciroppo di datteri
  • 2 cucchiai di olio extra vergine d’oliva
  • acqua

Avrai anche bisogno di:

  • un po’ di cioccolata fondente 70-85% (1 pezzetto per ogni biscotto) – solitamente metto i pezzi di cioccolata nel freezer per alcuni minuti prima di aggiungerli sui biscotti
  • se non hai nessun tipo di cioccolata in casa, puoi preparare il tuo ripieno usando circa 15 ml di latte o bevanda vegetale, 7 g di burro di cacao, 10 g di cacao in polvere non zuccherato, 1/2 cucchiaino di sciroppo di datteri (sciogli il burro di cacao ed il liquido che hai scelto di usare, poi aggiungi il cacao in polvere e mischia bene)
  • alcuni lamponi, circa 2-3 per ogni biscotto (puoi passarli in padella per circa 1-2 minuti con 1/2 cucchiaino di ghee per ogni piccola manciata di lamponi – questo passaggio torna utile soprattutto se usi lamponi congelati)

Prepara una farina con le mandorle e l’avena usando un frullatore, poi metti questi ingredienti in una ciotola insieme alla farina di cocco, l’olio e lo sciroppo di datteri. Mischia bene ed inizia ad aggiungere l’acqua in piccole parti finchè non inizierà a formarsi un vero e proprio impasto (rimarranno alcune parti spezzettate ma va bene lo stesso). Prepara ogni biscotto con le mani, applicando un po’ di pressione in modo da aiutare gli ingredienti a stare insieme: forma delle palline d’impasto, poi delicatamente appiattiscile e crea la classica cavità al centro che ospiterà cioccolata e lamponi (puoi usare il retro di un cucchiaino o il pollice). Cuoci i biscotti in forno preriscaldato a 180°C per 10 minuti, poi aggiungi la cioccolata e rimetti in forno per alcuni minuti. Solitamente, io aggiungo i lamponi quando i biscotti sono già pronti, ma puoi anche decidere di aggiungere cioccolata e lamponi nello stesso momento. Usando queste quantità dovresti riuscire a fare 15 biscotti.



Vorresti iniziare ad avere uno stile di vita ed un’alimentazione più sani, creando anche una serie di abitudini che possano diventare parte della tua vita d’ora in avanti? Non sai esattamente da dove iniziare? Clicca sul link qui sotto per fare il primo passo:

INIZIAMO!

 

Almond Thumbprint Cookies

(read in Italian)

Do you remember those classic thumbprint cookies with the candied cherry? As a kid, I was usually eating the cookie and throw away the cherry – well, I can say that this is an upgraded version of those cookies, and I don’t want to throw away any of the ingredients because they are so good! The base is fluffy and full of almonds, perfect match for the sweetness of raspberries and the chocolate. I have also tried them with a mix of cashews and brown rice flour (1:2), as an alternative for the mix of almonds/coconut/oats that you find here – the texture is different and they are less fluffy, but they still taste delicious!

DSC_2542

DSC_2441

DSC_2586

Almond Thumbprint Cookies

Ingredients

  • 100 g almonds
  • 60 g coconut flour
  • 40 g rolled oats
  • 1 tbsp date syrup
  • 2 tbsp extra virgin olive oil
  • water

You’ll also need:

  • some dark chocolate 70-85% (1 small piece for each cookie) – I place the pieces in the freezer for a few minutes before adding them in the cookies
  • if you don’t have any kind of chocolate, you can quickly make your own filling using approx. 15 ml of milk or any plant-based drink, 7 g of cacao butter, 10 g cacao powder, 1/2 tsp date syrup (melt the cacao butter with the date syrup and liquid of your choice, then stir in the cacao and mix well)
  • some raspberries, approx. 2-3 for each cookie (you can heat them up for approx. 1-2 minutes in a pan with 1/2 tsp of ghee for each small handful of berries – this tip is pretty handy if you are using frozen raspberries)

In a blender, turn your almonds and oats into a flour, then mix these ingredients in a bowl with the coconut flour, the oil, and the date syrup. Mix well and start adding some water in small portions until the different flours start to make a kind of dough (you will still have some crumbles, but it’s fine). Prepare each cookie with your hands, helping the ingredients to stick together: roll the dough into balls, then give them the desired flat shape and gently use your thumb or a teaspoon to create the thumbprint. Bake the cookies in a pre-heated oven at 180°C for 10 minutes, then add the chocolate and bake again for a few minutes. I like to add the raspberries when the cookies are already out from the oven (but you can decide to add chocolate and raspberries at the same time). Using these quantities you should be able to make 15 small cookies.



Would you like to start having a healthier diet and lifestyle, but also start building lifelong healthy habits? Are you ready for a change but need some help to get started? Click on the button below to take the first step:

I’M READY!

 

3 Benefits that you can get from being more aware around food

Wondering how being more aware and eating with intention can change/improve your everyday life or your relationship with food and with yourself? Wondering how starting to be truly aware of the entire process of eating and don’t only mindless getting some fuel for your body can make a difference for you? Let’s talk about 3 main benefits that you can get.

DSC_0377

1) RECLAIM YOUR TRUE SELF AND START FEELING YOUR BEST

Starting to be more AWARE of the entire process of nourishing, means working on the connection with your body and the food that you CHOOSE to eat, but it also means that you’ll truly put into practice the idea of moving from eating to nourishing. Learn how to listen and trust your body – start giving it what it needs, and not ignoring the messages that will eventually send you even in the busiest times. Start putting yourself first and love taking care of yourself, so you’ll be able to start felling your best!

2) LEARN MORE ABOUT YOURSELF AND WHAT YOU WANT

Check the difference between “I want to lose weight so I will start a diet next Monday” and “Lately I have been eating too many sweets because I look for them every time that I’m stressed, so I want to sort out this issue at its roots, find a way to de-stress and try new healthier snacks

=> the idea behind the first sentence is looking for a quick fix without questioning the resolution or asking yourself why you should do that and how you feel now or which benefits you will get from accomplishing this goal

=> read again the second sentence. Can you see how this one is not only more complete but is already getting you on a different pathway and motivates you to ask yourself more questions about that idea of losing weight?

  • You don’t need to COMPARE yourself to others
  • You need to be focused on what really matters TO YOU
  • You don’t need to fit into a general resolution but what you should do instead is create INTENTIONS with a non-judgemental approach

Big, bright and shiny resolutions are definitely attractive, but WORKING ON YOURSELF is so rewarding in the long term! Being more aware means start doing this every day and get to know yourself better.

3) START BREAKING UP WITH THE DIETING MINDSET

A few days ago, I was talking with a new client about diets and why they aren’t the right tool to start having a healthier lifestyle or a better relationship with food.

For example: the idea of cheat days – when you have a healthy relationship with food, you don’t need this kind of things. The idea of a restrictive diet for 5/6 days a week and then a free day is only creating more limitations and a wrong mindset: you finally feel free to eat on that day and end up overeating because you know that all those things are NOT ALLOWED on regular days.

  • how can this approach help you to learn more about your body and its needs?
  • how can you truly enjoy your food if the idea is “I NEED to follow these restrictions today, then I will finally eat EVERYTHING that I want on my cheat day“?
  • how can you truly learn to eat with intention, and understand what you like or don’t like?
  • what will you do when your diet will come to an end? Which teachings will you get for your future?

The main goal is generally just one: lose weight. But there are a bunch of things that can help you in reaching your goal and that the classic dieting mindset doesn’t take into account, such as:

  • which are the reasons why you need to lose weight?
  • what else you can do apart from working on the food that you eat?
  • how do you feel about having to lose weight?
  • do you have a healthy relationship with your body?
  • how is your appetite? Do you recognise well when you are full or hungry?

I truly believe that it’s important to check-in with yourself very well before starting a journey like this one or any other wellness-related programs. You need to be aware of what can be disruptive for your mindset and what can help you in MOVING FORWARD.

Unfortunately, it’s so easy to lose confidence in your body or your food choices, and feeling like you are NOT ENOUGH… but, on the other hand, it’s not so easy to get back having a positive, strong and motivated mindset. So, try to PUT YOURSELF FIRST every day, try to choose what is best for you with a critical point of view and start being more AWARE. It’s NOT wasted time!

REMEMBERif you are not willing to take action, you can’t expect the results that you are looking for!

Chiara x



Would you like to start having a different approach to WHAT YOU EAT AND WHY YOU CHOOSE IT? Are you ready for a change but need some help to get started? Click on the button below to take the first step:

I’M READY!

 

5 ways to boost your immune system

How can I boost my immune system? How can I help my body during the cold season? These are recurrent questions that may pop into your head as soon as the weather start changes and seasonal colds start to spread around. The most important thing that I’d like you to focus on even before reading about these simple ways to boost your immune system is that you should take good care of your immune system all year long! This means following a healthy lifestyle on a daily basis and help your body to stay strong and healthy from a general point of view.

It’s funny how many people as soon as they get the flu, they start buying oranges and taking vitamin C supplements, but until the day before they were barely buying fresh fruit and vegetables… Start thinking about your health and well-being in terms of PREVENTION – do your best every day to stay healthy with simple little steps!

Here there are 5 simple tips related to the immune system that will help you to get a much clear idea of the choices that you can take every day.

1) IMPROVE YOUR GUT HEALTH

The immune system and gut are strongly linked and approx. 70% of our immune system resides in our gut. What you aim for is a healthy gut that will help your body to deal with pathogens (that can cause illness) – both for prevention and to have a faster recovery when you get sick. Treat well you gut with PRObiotics and PREbiotics: the first ones are “good” bacteria that live in your gut and the second ones are the food for probiotics.

Probiotics rich foods are for example yogurt (look for one without added sugar or other ingredients that should not be there, and preferably organic), kefir, kimchi, kvass, sauerkraut, tempeh, miso, sourdough bread.

Prebiotics are found in small amounts in several foods, but good sources of them are for example garlic/onions (and the other foods in the same family), Jerusalem artichokes, and chicory.

2) GET YOUR ZINC

Zinc is a mineral strongly related to the immune system (through white blood cells). You can find it for example in pumpkin seeds, nuts, chia seeds, shellfish, dark chocolate, cocoa powder, pulses, sesame seeds, dried mushrooms, flaxseeds, wheat germ.

3) GET YOUR VITAMIN C

Vitamin C is an antioxidant that can help you to support your immune system. It also helps you with its anti-inflammatory and antibacterial properties. You can find it for example in lemons, grapefruit, oranges, mandarin, peppers, dark leafy vegetables, broccoli, papaya, berries, pineapple, mango, kiwi, apples, Brussels sprouts.

Vitamin C will also help you in taking good care of your skin – your first defence against infections.

4) KEEP IRON IN MIND

It’s important to maintain optimal iron levels in our blood not just from a general point of view, but also to strengthen our immune system. So don’t forget about iron-rich foods such as for example meat, fish, dark leafy vegetables, pulses, nuts, seeds, dark chocolate, cacao powder, whole grains, dried apricots, sundried tomatoes, broccoli.

5) DE-STRESS DAILY

Chronic stress can weaken our immune system and makes easier to get any bug around. Find an effective way that works for you to de-stress on a daily basis and go for it! Make it part of your everyday life – no matter how your schedule looks like!

SOME INTERESTING READINGS ABOUT THIS TOPIC:

about vitamins and trace minerals:
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/17726308 and https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/17922955
about probiotics and gut microbiota:
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25481240 and https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24891972

NOW LET’S GET MORE PRACTICAL WITH A COUPLE OF QUICK RECIPES:

DSC_0348

Broccoli with mustard sauce and seeds

(x 2)
2 small heads of broccoli (save the remaining stalks to make a veggie broth)
2 tsp mustard
1 tbsp tahini
juice of 1 lemon
1 handful of pumpkin seeds

For this salad, you can use the broccoli raw or cooked for a few minutes in a pan with a small amount of olive oil (chop them into small pieces). Prepare the sauce with mustard, tahini, lemon juice, and 1-2 tsp of water to help you to get a nice consistency. Toast the pumpkin seeds in a pan. Prepare a layer of broccoli in a plate and spread all over the sauce and seeds – otherwise, you can serve the broccoli in a bowl, dip them into the sauce and eat the pumpkin seeds as a side for extra crunchiness.

jonny-caspari-464500-unsplash

Spiced hot chocolate

(x 2)
120 ml cashew drink
3 tsp unsweetened cacao powder
1 piece of dark chocolate 80-85% (1 little square)
1/3 tsp cinnamon powder
1/3 tsp ginger powder
3 cloves
a pinch of cayenne pepper

Mix everything well in a small pot – leave on a medium heat for approx. 10 minutes, add the dark chocolate at the end and mix until it’s completely melted. Remove the cloves before serving.

 

 

 


WOULD YOU LIKE TO GET CLEAR ON ONE SIMPLE CHANGE THAT YOU CAN TAKE IMMEDIATELY TO MOVE FORWARD IN YOUR JOURNEY TOWARD A HEALTHIER LIFESTYLE? CLICK HERE TO BOOK TODAY YOU FREE DIET EVALUATION CALL:book now black